protocollo Covid

scarica Allegato A

Questa Appendice nasce dall’esigenza di stilare un protocollo particolare con  indicazioni da seguire per prevenire il contagio da Covid-19.

Tutte le indicazioni a seguito riportate sono state redatte con l’obiettivo di trovare il giusto bilanciamento tra fruizione del Servizio Asilo Nido e necessità di garantire condizioni di tutela della salute dei bambini, delle famiglie e degli operatori coinvolti.

Siamo consapevoli che non è possibile azzerare il rischio di contagio, così come non è fattibile il mantenimento costante delle regole di distanziamento sociale tra i bambini di questa fascia d’età.

Occorre però ridurre al minimo il rischio di contagio attuando condizioni che consentano al bambino di vivere serenamente tutte le routine della giornata ma al contempo garantiscano il maggior grado di sicurezza possibile.

Non essendo fattibile il distanziamento individuale fra bambini così piccoli, la riduzione del rischio di contagio avviene attraverso la rigorosa applicazione di un protocollo di gestione basato sulle seguenti azioni: TESTARE – IGIENIZZARE – CONTENERE

TESTARE: qualora ve ne sia la necessità viene rilevata la temperatura corporea di adulti e bambini mediante rilevatore a distanza.

IGIENIZZARE: operatori e bambini devono igienizzare le mani e lavarle spesso con acqua e sapone. Tutti gli operatori sono provvisti di guanti e mascherine protettive.

La sanificazione di ambienti e giochi viene effettuata all’uscita di ogni gruppo.

CONTENERE: per contenere il diffondersi dell’epidemia in caso di contagio si effettua un distanziamento per gruppi. Ad ogni gruppo viene assegnato un educatore che viene sempre mantenuto. Si cerca di limitare la minino l’interscambio tra bambini dei vari gruppi. Gli adulti, accompagnatori, operatori del servizio, tirocinanti, ecc. devono attenersi scrupolosamente alla regola del distanziamento che prevede la distanza minima di un metro tra un individuo e l’altro.

Il presente documento è redatto seguendo indicazioni fornite dal “PIANO SCUOLA 2021/2022 – Documento per la pianificazione delle attività scolastiche, educative e formative nelle istituzioni del Sistema nazionale di Istruzione” adottato con decreto il 6 agosto 2021 dal Ministero dell’Istruzione e dal  Decreto-legge 6 agosto 2021, n. 111 “Misure urgenti per l’esercizio in sicurezza delle attività scolastiche, universitarie, sociali e in materia di trasporti – Nota Tecnica”

Le indicazioni contenute nel presente documento sono suscettibili di modifica qualora dovessero essere emanare integrazioni o restrizioni in considerazioni di eventuali nuove indicazioni di carattere scientifico e dell’evoluzione dello scenario epidemiologico.

 

1. Ambito di Applicazione

 

Tutte le indicazioni presenti in questa Appendice sono da ritenersi valide, integrando e sostituendo in alcuni punti la corrente Carta Servizi, a partire dal 30 agosto 2021 e per tutto l’anno 2021/2022, salvo diverse indicazioni presentate dalle Autorità Competenti che saranno prontamente comunicate alle famiglie.

2. Rapporto Educatore-Bambino

 

Ad ogni gruppo è assegnato un educatore che viene sempre mantenuto, per le ore dedicate alla didattica.

Per i momenti di accoglienza (dalle h.7:30 alle h.9:00) e per quelli in uscita (dalle h.15:30 alle h.18:00) si cercherà di mantenere per quanto possibile i gruppi separati con uno stesso educatore di riferimento.

Se l’educatore si ammala per cause non da imputarsi a contagio da COVID-19 verrà sostituitolo da un operatore ugualmente qualificato.

La capacità ricettiva della struttura è di 4 gruppi contemporaneamente.

 

3. Calendario e Inserimento

 

L’inserimento per i bambini che si affacceranno per la prima volta alla vita al nido prende spunto dal metodo svedese e prevede la compresenza del bambino con un adulto accompagnatore per 3 giorni all’interno della struttura.

Per garantire il rispetto delle linee guida e per un adattamento rispettoso dei minori, non verranno superate le 3 coppie genitori-bambini per gruppo per volta.

Gli inserimenti per il nuovo anno educativo partiranno per il primo turno da lunedì 6 settembre e procederanno scaglionati di 2 settimane.

Per tutti gli appuntamenti, feste e uscite,  si rimanda alla Carta Servizi e si ricorda che saranno comunque subordinati alla possibilità di aggregazione prevista dalle Autorità Competenti. Anche in questo caso sarà nostra premura darne preventiva comunicazione alle famiglie.

 

4. Spazi e attività

L’utilizzo degli spazi è organizzato e strutturato in modo da garantire il distanziamento dei gruppi.

Se le condizioni meteo lo permettono, verrà sfruttato il più possibile l’ampio spazio verde intorno alla struttura. Anche in caso di giochi all’aperto, verrà posta particolare attenzione al non assembramento e alla distanza tra i gruppi.

Nell’utilizzo dello spazio interno viene garantita l’abbondante areazione dei locali.

Al termine di ogni attività verrà posta particolare attenzione al lavaggio delle mani con detergente neutro e alla pulizia delle superfici utilizzate con l’utilizzo di prodotti igienizzanti.

E’ considerata un’attività anche il rispetto delle regole per la prevenzione e il contenimento del contagio, che vengono spiegate ai bambini in maniera semplice e che diventano parte integrante delle routine all’interno della giornata.

 

  • Spazio riservato ai bambini

Lo spazio interno riservato ai bambini è diviso in 2 aree ognuna dedicata a 2 gruppi di bambini. Le aree sono delimitate da pannelli e armadiature che assicurano il distanziamento fra i gruppi.

 

Ogni educatrice in base alle diverse caratteristiche ed esigenze del proprio gruppo di bambini potrà strutturare e organizzare gli spazi dedicati nella maniera che riterrà più funzionale.

Nei bagni riservati ai bambini vengono messe in atto tutte le procedure di sanificazione previste dopo ogni utilizzo.

Tutte le aree sono delimitate da porte o cancelletti e garantiscono il distanziamento tra singoli gruppi.

Lo spazio esterno alla struttura verrà utilizzato alternativamente dai vari gruppi o comunque verrà garantito il non interscambio tra gli stessi.

È interdetto l’accesso alle zone riservata ai bambini anche ai fornitori esterni.

 

  • Lo spazio riservato al personale

lo spazio ad uso esclusivo del personale è costituito da:

  • ufficio amministrativo

  • servizi igienici + spogliatoio

  • lavanderia

  • cucina composta da: stanza adibita alla conservazione del cibo e allo sporzionamento- stanza adibita al lavaggio stoviglie- dispensa

 

5. Servizio mensa e pasti

 

Ogni gruppo consuma il pasto all’interno della propria area dedicata.

La preparazione dei pasti è affidata a una società esterna.. Ogni educatrice serve i pasti al proprio gruppo. Prima e dopo i pasti si procede al lavaggio delle mani con sapone neutro.

Al termine dei pasti l’ausiliaria provvede all’igienizzazione di tutte le superfici utilizzate seguendo le procedure previste dal M.C.P.I.

 

6. Momento di riposo e nanna

 

Per il sonno dei bambini sono previsti materassi e cuscini che vengono posizionati  in aree specifiche per ogni gruppo, garantendo sempre il rispetto del distanziamento interpersonale dei bambini.

Saranno garantiti la sorveglianza dei bambini e l’areazione dei locali.

Ogni materasso sarà assegnato al singolo bambino e non sarà previsto un uso promiscuo dello stesso.

La biancheria utilizzata verrà propriamente sostituita e disinfettata alla fine di ogni settimana.

 

7. Giochi e materiali

 

Si prediligono attività ludiche che consentano di sfruttare al meglio lo spazio all’aperto; non è consentito un uso promiscuo tra giochi interni e giochi esterni.

Vengono proposte sia il gioco libero che attività specifiche per ogni fascia d’età. I giochi guidati vengono  pensati e programmati sulla base delle specificità di ogni singolo gruppo.

In caso di svolgimento delle attività negli spazi all’interno vengono abbondantemente areati i locali o lasciate aperte le finestre per la maggior parte del tempo.

Al termine di ogni attività si procede al lavaggio delle mani con detergente neutro e alla pulizia delle superfici utilizzate con l’utilizzo di prodotti igienizzanti.

 

8. Procedura di accoglienza

 

È importante che la situazione di arrivo e rientro a casa dei bambini si svolga senza comportare assembramento.

Gli orari di ingresso e di uscita saranno ampi in modo da scaglionare il più possibile l’accesso alla struttura.

 

Tempistiche:

L’ingresso è previsto

-dalle h. 7:30 alle h. 9:00 per il part-time, tempo pieno e tempo prolungato

-dalle h.12:30 alle h. 13:00 per il part-time pomeridiano

 

Luogo:

Ad ogni gruppo di bambini è dedicata una specifica area di accoglienza:

Due gruppi accederanno alla struttura attraverso il giardino retrostante l’asilo, e due  gruppi accederanno alla struttura attraverso l’ingresso principale.

 

Ogni area è attrezzata con armadietti/cassettini in cui vengono riposti gli indumenti personali dei bambini. È’ posizionato in ogni ingesso il dispenser di gel idroalcolico per l’igienizzazione delle mani.

 

Procedura:

Ogni bambino dovrà essere accompagnato nell’area dedicata all’ingresso del proprio gruppo  da un solo adulto. Se i bambini sono più di uno per famiglia gli adulti accompagnatori possono essere al massimo due.

Non è consentito all’accompagnatore di accedere nelle aree riservate ai bambini e al personale.

All’ingresso di ogni area interdetta al pubblico è apposta la segnaletica di divieto.

Non è consentito all’accompagnatore di sostare all’interno della struttura oltre il tempo necessario all’accoglienza del bambino.

È obbligatorio per gli adulti accompagnatori l’utilizzo della mascherina all’interno della struttura per tutto il periodo di permanenza.

L’accompagnatore deposita gli indumenti del bambino e gli eventuali cambi necessari nell’armadietto/cassetto/cestino a lui riservato.

 

Non è consentito al bambino introdurre all’Asilo oggetti personali.

 

9. Procedura di uscita

 

Anche l’uscita dei bambini deve svolgersi in modo da non provocare assembramento.

 

Tempistiche:

L’uscita è prevista

-dalle h.12:30 alle h.13:00 per il part-time

-dalle h.15:30 alle h.16:00 per il tempo pieno

-dalle h.16:00 alle h.18:00 per il tempo prolungato e per il part-time pomeridiano

 

Luogo:

La consegna dei bambini avviene presso le aree indicate per ogni gruppo.

 

Accompagnatore:

Ogni bambino dovrà essere consegnato ad un solo adulto. Se l’adulto non è un genitore occorre che l’amministrazione sia in possesso della copia del documento identificativo.

Se i bambini sono più di uno per famiglia gli adulti possono essere al massimo due.

Non è consentito all’accompagnatore di accedere ad aree in interne alla struttura.

Non è consentito all’accompagnatore di accedere alle aree esterne alla struttura interdette con apposita segnaletica.

Non è consentito all’accompagnatore di sostare nel parco circostante al termine della procedura di consegna del bambino.

È obbligatorio per gli adulti accompagnatori l’utilizzo della mascherina all’interno della struttura per tutto il periodo di permanenza.

 

Procedura:

Il bambino viene consegnato all’accompagnatore dall’educatore di riferimento.

 

10. Qualifiche e formazione del personale

 

Tutto il personale educativo è qualificato e abilitato all’esercizio della mansione educatore di asilo nido secondo quanto previsto dalla Dr n. 20588 del 11 febbraio 2005.

 

Tutti gli operatori ottemperano agli obblighi formativi previsti dalla Deliberazione regionale n. VII/20588 del 11 febbraio 2005 e dal Piano di Formazione Obbligatoria in materia di sicurezza sul luogo di lavoro secondo quanto previsto dal D.Lgs. 81/08.

 

Tutti gli operatori sono informati e formati sui temi inerenti la gestione delle emergenze in caso di rischio epidemiologico da COVID-19 e su tutte le misure di prevenzione e contenimento previste dall’Ordinanza di Regione Lombardia n. 594 del 6 agosto 2020, dal Documento di indirizzo ed orientamento per la ripresa delle attività in presenza dei servizi educativi e delle scuole dell’infanzia” adottato con decreto il 3 agosto 2020 dal Ministero dell’Istruzione e sugli aspetti relativi all’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale e delle misure di igiene, sanificazione e regole di distanziamento indicate nel:

  • Documento di Valutazione dei Rischi cap. 10.9.1 e seg.

  • Manuale di Corretta Prassi Igienica cap. 4.2.1

11. Responsabile Emergenza Sanitaria

 

Viene nominato un responsabile Emergenza Sanitaria la cui funzione è di verificare che vengano attuate nel modo corretto e rispettate tutte le procedure previste dalla Carta dei Servizi e dal Documento di Valutazione del Rischio.

 

 

12. Iscrizione/rinnovo e regolamento amministrativo

 

A  integrazione del Modulo di Iscrizione/Rinnovo devono essere compilati e sottoscritti i seguenti documenti:

  •  Patto di corresponsabilità tra l’ente gestore e la famiglia (Allegato A)

  •  Autodichiarazione sullo stato di salute del bambino (Allegato B), da compilare il primo giorno di frequenza

13. Sicurezza e dispositivi di protezione

 

Tutto il personale è dotato di mascherina di protezione delle vie aeree e guanti protettivi. Tutto il personale è tenuto a mantenere tra adulti la distanza di sicurezza di almeno un metro. Tutto il personale è tenuto ad attuare le procedure previste dal Documento di Valutazione del Rischio in caso di rischio di contagio da COVID-19.

La mascherina di protezione delle vie aeree deve essere obbligatoriamente utilizzata dagli operatori e dagli accompagnatori, mentre non è  prevista per bambini di età inferiore ai 3 anni.

14. Stato di salute del bambino

 

La precondizione per la presenza nei servizi educativi di bambini, accompagnatori e personale è la seguente:

 

  • assenza di sintomatologia respiratoria o di temperatura superiore ai 37.5°C anche nei 3 giorni precedenti

  • non essere stati in quarantena o in isolamento domiciliare nei precedenti 14 giorni

  • non essere stati a contatto con persone positive, per quanto di propria conoscenza, nei precedenti 14 giorni

 

Si sostiene fortemente la responsabilità individuale rispetto allo stato di salute proprio o dei minori affidati alla responsabilità genitoriale.

Ai fini della prevenzione del contagio, dopo assenza per malattia superiore a 3 giorni, la riammissione all’asilo nido sarà consentita previa presentazione della idonea certificazione del Pediatra di riferimento attestante l’assenza di malattie infettive o diffusive e l’idoneità al reinserimento in comunità.

La presenza di un caso confermato di infezione da SARS-COV-2 nella struttura, necessiterà di un monitoraggio attento da avviare in stretto contatto con il Dipartimento di Prevenzione locale al fine di identificare precocemente la comparsa di possibili altri casi che possano prefigurare l’insorgenza di un focolaio epidemico. In tale situazione l’Autorità Sanitaria Competente potrà valutare l’attuazione di tutte le misure ritenute idonee.

 

Il monitoraggio sulla salute del bambino ammesso al servizio avviene nel rispetto delle seguenti procedure:

 

  • Se durante la permanenza giornaliera viene rilevata al bambino una temperatura    > 37,5° o dovesse manifestare sintomi influenzali da COVID-19 si procede ad informare la famiglia che dovrà provvedere all’immediato ritiro.

Il dato viene riportato nel registro giornaliero.

 

  • Se al momento dell’uscita la temperatura rilevata al bambino è > di 37,5° non è ammesso al servizio il giorno seguente.

Il dato viene riportato nel registro giornaliero.

 

Nei casi sopracitati viene data comunicazione alla famiglia (ALLEGATO D) e la si informa della necessità di contattare il proprio medico di base/pediatra e comunicandogli anche la frequenza del bambino all’asilo nido.

 

Qualora il medico di base/pediatra ritenesse opportuno effettuare l’isolamento precauzionale del bambino secondo quanto previsto dalle norme di Prevenzione e Contenimento del contagio da COVID-19, l’ente gestore del servizio provvederà a mettere in atto tutte le indicazioni fornite dall’Autorità Sanitaria, anche nei riguardi dei componenti del gruppo di appartenenza.

 

In caso di sospensione di frequenza dell’intero gruppo su indicazione dell’Autorità Sanitaria non è prevista alcuna decurtazione della retta.

 

L’ammissione successiva dovrà avvenire a piena e accertata guarigione e dovrà essere accompagnata dalla dichiarazione di idoneità alla frequenza rilasciata dal medico curante/pediatra nel caso l’assenza superi i 3 giorni.

15. Cosa fare in caso di sospetto contagio da COVID-19

 

Se si riscontrano sintomi influenzali legati al COVID-19, NON andare al pronto soccorso o nelle infermerie di sede ma contattare immediatamente il proprio medico di base/pediatra e attenersi scrupolosamente alle disposizioni di quest’ultimo.

In alternativa chiamare tempestivamente l’Agenzia della Tutela della Salute territorialmente competente che fornirà le opportune informazioni alla persona interessata.

Anche l’ente gestore ha l’obbligo di comunicazione all’ATS territorialmente competente:

16.  Igiene e sanificazione

 

Prima dell’apertura del servizio si procede alla sanificazione di tutti gli ambienti mediante l’impiego di una azienda specializzata.

In ogni area di suddivisione è presente un dispenser contente gel idroacolico per l’igienizzazione delle mani. Ogni area utilizzata durante la giornata dai bambini e dal personale viene igienizzata giornalmente con prodotti disinfettanti autorizzati (PMC Presidi medico chirurgici) altri prodotti virucidi seguendo le istruzioni per l’uso fornite dal produttore.

L’uso dei bagni prevede che vengano igienizzati dopo ogni utilizzo e disinfettati giornalmente con prodotto a base di ipoclorito di sodio allo 0,1% di cloro attivo o altri prodotti virucidi.

Al termine del modulo di frequenza tutti i giochi e gli spazi utilizzati vengono sanificati mediante lavaggio con detergente neutro.

I bambini devono essere fortemente sensibilizzati sull’importanza dell’igiene delle mani soprattutto in particolari momenti di routine quali ad esempio prima e dopo i pasti dopo aver utilizzato il bagno, dopo aver soffiato il naso.

 

Le procedure di pulizia e igienizzazione in caso di emergenza epidemiologica da COVID-19 sono contenute nel M.C.P.I cap. 4.2.1

Tutto il personale coinvolto ed in particolare il personale ausiliario addetto alle operazioni di pulizia e igienizzazione è tenuto a seguire scrupolosamente le indicazioni contenute nel M.C.P.I.

17- Registro presenze e privacy

 

E’ predisposto un registro presenze formulato mettendo ben in evidenza il rapporto gruppo/educatore.

Vengono annotate:

  • Orario di entrata e di uscita dei bambini e del personale

  • Eventuali rilevazioni di temperatura > 37,5° o sintomi di sospetto contagio del bambino con indicazione dell’avvenuto allontanamento

  • Eventuali rilevazioni di temperatura > 37,5° o sintomi di sospetto contagio dell’operatore

La rilevazione della temperatura corporea dei bambini quando è associata all’identità dell’interessato costituisce trattamento di dati personali (art. 4 del Regolamento UE 2016/679). Le avvertenze del Garante della Privacy precisano che “è consentita la registrazione solo della circostanza del superamento della soglia stabilita per legge e comunque quando sia necessario stabilire le ragioni che hanno impedito l’accesso e/o l’allontanamento dalla struttura”

 

18- Variazioni o deroghe

 

A causa del contesto emergenziale in cui il servizio viene attuato, non saranno ammesse deroghe di alcun tipo alle restrizioni e alle procedure previste dalla presente Appendice a meno di modifiche introdotte da nuove disposizioni/ordinanze emanate dalle autorità competenti.

19- Patto di corresponsabilità

 

Viene sottoscritto al momento dell’iscrizione un patto di corresponsabilità tra l’ente gestore e la famiglia ai fini del contrasto e della diffusione del contagio da COVID-19 secondo le prescrizioni del D.P.C.M. del 17 maggio 2020 Allegato 8  e delle disposizioni previste dall’Ordinanza di Regione Lombardia n. 594 del 6 agosto 2020. (Allegato A)